Lunedì, 01 Luglio 2013 14:49

LEGROTTAGLIE APRE NOTTE D'AUTORE

"Sono al settimo anno della mia conversione. E' come se fossi nato sette anni fa. Quando ho conosciuto Gesù". Sarà Nicola Legrottaglie, con il suo libro Il mio amico Gesù, ad aprire la stagione letteraria estiva del Comune di Castellaneta (Assessorato alla Cultura ed al Turismo) "Notte d'autore". Il primo appuntamento della rassegna è fissato mercoledì 3 luglio alle ore 20.30 presso il Palazzo Baronale nel borgo antico della città di Castellaneta. L'ingresso è gratuito.

La stagione letteraria "Notte d'Autore", voluta dal sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti, conta sul patrocinio degli assessorati comunali alla Cultura (retto da Annarita D'Ettorre) ed al Turismo (retto da Giuseppe Angelillo), ed alla direzione artistica di Fabio Salvatore. Collaborazione di: Magna Grecia Awards, Teatro Pubblico Pugliese, Pro Loco Castellaneta, Nati per leggere, Nati per la musica, Unicef, Younicef, Lions club Castellaneta, Castellaneta Restyle. Per tutta l'estate Castellaneta e la sua Marina ospiteranno autori di valore con le loro opere letterarie apprezzate dal pubblico amante dei libri.

IL MIO AMICO GESU'

"Gesù è un amico. Amicizia significa riporre fiducia totale in un altro. Quando sono solo a piangere, di notte, chi c'è con me a piangere, ma allo stesso tempo a consolarmi e darmi coraggio di ripartire se non Gesù?". Comincia così il nuovo libro di Nicola Legrottaglie, edito da Piemme, che dopo il successo dei best seller sulla sua conversione e il ritorno alla fede, ha scelto di raccontare la vita del protagonista dei Vangeli.

Gli episodi più significativi e commoventi vengono rievocati in un percorso ricco di suggestioni in cui ciascuno potrà ritrovarsi attingendo ispirazioni e forza d'animo per affrontare le avversità della vita. Con uno stile semplice e colloquiale, Legrottaglie accompagna il lettore – credente e non credente – alla scoperta della figura di Gesù di Nazaret, un amico speciale a cui affidare ogni più piccolo evento e da cui trarre insegnamenti preziosi per il cammino di ogni giorno.

LEGROTTAGLIE CALCIATORE E SCRITTORE

Nato a Gioia del Colle nel 1976, calciatore, dopo l'esperienza in C1 con Pistoiese e Prato, è stato acquistato dal Chievo nel 1998, esordendo in serie A proprio con gli scaligeri nel 2001. Protagonista della bella "favola" vissuta dalla squadra presieduta da Luca Campedelli, il difensore ha coronato la propria crescita calcistica con la convocazione in nazionale nel 2002, finendo nel mirino delle più importanti squadre di serie A. Tra tutte l'ha spuntata la Juventus, che l'ha acquistato nella stagione 2003/04. Attualmente milita nel Catania.

L'incontro che ha cambiato la sua vita è stato quello con Gesù, in seguito al quale ha riscoperto la gioia di credere, decidendo di entrare a far parte degli "Atleti di Cristo", accanto a campioni del calibro di Cavani e Kakà, per dare testimonianza della propria scelta di vita e di fede.

Per Piemme Legrottaglie ha pubblicato i best seller Ho fatto una promessa, Perché la fede ha cambiato la mia vita (2009), Cento volte tanto, Con la fede vivo meglio (2010) e L'amore vince tutto (2011).

Il melodramma italiano, patrimonio musicale importante, segnato dalle musiche di Donizetti, Verdi e Puccini, sarà il protagonista del secondo appuntamento della rassegna musicale Notedinotte, che si terrà martedì 2 luglio, dopodomani sera (inizio ore 21, ingresso gratuito), presso il Palazzo Baronale di Castellaneta.

La manifestazione, alla prima edizione, che renderà vivo il borgo cittadino per una estate intera ogni martedì, è promossa dagli assessorati alla Cultura ed al Turismo del Comune di Castellaneta, in collaborazione con l'Istituto superiore di studi musicali "G. Paisiello" di Taranto, l'associazione musico-culturale "Crisalide" e la Pro Loco di Castellaneta. Info al numero di telefono 338-6572272.

LUCI SUL MELODRAMMA

Recital Lirico: è questo il titolo del secondo appuntamento della rassegna Notedinotte in programma martedì sera al Palazzo Baronale di Castellaneta. Il Melodramma è un patrimonio musicale importante a livello planetario e l'Italia ne è stata la culla. Lo dimostrano i cartelloni dei maggiori teatri dove ancora oggi sono inserite opere e recital lirici di autori italiani.
Nel concerto di domani sera laureati e laureandi della classe di canto del Maestro Massimiliano Chiarolla, partendo dalla "purezza" musicale di Mozart, ci condurranno in un viaggio nella lirica passando dal Belcanto Donizettiano ed in parte Verdiano per arrivare al Verismo ed all'intensità dei sentimenti di Puccini.

IL PROGRAMMA

Questo il programma nel dettaglio di Recital Lirico:
"C'è aria d'opera"
"Porgi Amor" Le nozze di Figaro - W.A. Mozart
"Convien Partir" La figlia del reggimento - G. Donizetti
"Come è bello, quale incanto" Lucrezia Borgia - G. Donizetti
"Regnava nel silenzio" Lucia di Lammermoor - G. Donizetti
"Saper vorreste" Un ballo in maschera - G. Verdi "Recondita armonia" Tosca- G. Puccini
"Ardon gli incensi" Lucia di Lammermoor – G. Donizetti
"Volta la terrea" Un ballo in maschera - G. Verdi
"Qual prodigio" I lombardi alla prima crociata - G. Verdi
"O mio babbino caro" Gianni Schicchi - G. Puccini
"Tu che di gel sei cinta" Turandot - G. Puccini
"Non piangere Liù" Turandot - G. Puccini
"Mercè dilette amiche" I vespri siciliani - G. Verdi
"Chi il bel sogno di Doretta" La Rondine - G. Puccini "Quando m'en vò" La Bohème - G. Puccini
"Come un bel dì di maggio" Andrea Chènier - G. Puccini

Interpreti: Rosaly Caiazzo, Mari De Biasi, Gianni Locorotondo Serena Pulpito, Miriam Serio, Denise Turco. Pianoforte: Mariantonietta Saccomanni Flauto: Alma Di Gaetano.

Mercoledì 3 luglio 2013 alle ore 10, nella Sala Consiliare del Comune di Castellaneta, si terrà la presentazione dell'iniziativa per la raccolta di oli esausti di origine alimentare.

Da oggi è infatti possibile conferire gli oli esausti in appositi contenitori dislocati su tutto il territorio comunale.

L'ASSESSORE ALL'AMBIENTE      IL SINDACO
Dott. Gianrocco De Marinis Avv. Giovanni Gugliotti
Mercoledì, 26 Giugno 2013 20:09

DISINFESTAZIONE ANTIALARE CONTRO LE ZANZARE

Si comunica alla Cittadinanza che a cura della ditta Avvenire S.r.l. il giorno 27 giugno 2013 dalle ore 23.40 a Castellaneta ed il giorno 28 giugno 2013 dalle ore 23.30 a Castellaneta Marina sarà effettuato il servizio di disinfestazione antialare contro le zanzare.

La cittadinanza è invitata, per tale ora, a riporre le derrate alimentari all'interno delle abitazioni, a chiudere gli infissi e a ritirare l'eventuale bucato.

L'Assessore all'Ambiente       Il Sindaco
Dott. Gianrocco De Marinis Avv. Giovanni Gugliotti

Lunedì, 24 Giugno 2013 10:32

PRESENTAZIONE JEAN D'AUTON E IL SACCO

Rimasto per più di cinque secoli fra leggenda e storia, è tempo che il "Sacco di Castellaneta" entri nella storia con tutti i crismi che si danno agli avvenimenti di importanza. Domani, martedì 25 giugno, alle ore 19.30, presso il Palazzo Baronale, nel borgo antico della città di Castellaneta, sarà presentato il libro di Pietro Loglisci "Jean d'Auton e il Sacco di Castellaneta".

La presentazione del volume che approfondisce la preziosa figura del monaco francese, legata allo storico episodio della cacciata dei castellanetani delle truppe francesi guidate da Nemours nel 1503, sarà curata dallo storico Cosimo Damiano Fonseca. A fare gli onori di casa il Vescovo della Diocesi di Castellaneta Mons. Pietro Maria Fragnelli. Interventi del sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti e dell'assessore comunale a Cultura e Pubblica Istruzione Annarita D'Ettorre.

LA FIGURA DI JEAN D'AUTON NEL LIBRO DI LOGLISCI

Jean d'AUTON è un monaco francese (diventato Abate), nato nel 1466 e morto nel gennaio 1528, resosi celebre per avere spontaneamente preso l'iniziativa di seguire le truppe che il re di Francia Luigi XII mandava in Italia tra la fine del Quattrocento e l'inizio del Cinquecento. Ma paradossalmente, proprio per non avervi assistito di persona, la sua testimonianza è più autentica e sicura, perché la descrizione che fornisce non è quella di qualcuno che ha visto i fatti dall'esterno e forse anche superficialmente, ma quella raccolta dalla bocca di coloro stessi che ne erano stati gli autori.

Jean d'AUTON non fu solo colui che raccontò i fatti del "Sacco" con le dovute precisioni storiche. Fu anche colui che difese i cittadini castellanetani agli occhi del re di Francia dicendo che non avevano avuto torto a cacciare i Francesi, perché erano più di 9 mesi che i militari non pagavano né il vitto né l'alloggio, e che la colpa era sicuramente dei Tesorieri che non spedivano presto il denaro necessario a questi pagamenti.

La sua missione consisteva ad osservare tutto ciò che accadeva durante gli spostamenti delle armate o ad informarsi presso le fonti più affidabili riguardo allo svolgimento degli avvenimenti ai quali non aveva potuto assistere, e a mettere per iscritto i fatti, per informare il re tramite lettere.

Chi poteva meglio raccontare i fatti se non gli autori? Il 23 febbraio 1503, giorno in cui i castellanetani cacciarono il presidio francese dal paese, Jean d'AUTON si trovava a Ruvo, dove commentò in diretta la presa della città da parte degli Spagnoli. Agli avvenimenti del "Sacco" non potette quindi assistere di persona. La domanda che qualcuno potrebbe porsi è di sapere se Jean d'AUTON sia realmente venuto a Castellaneta. Ma di questo non c'è dubbio. Prima di tutto perché racconta i fatti dicendo: "come ho saputo da alcuni di loro" riferendosi ai castellanetani che aveva interrogato, e poi perché a un certo punto dice che i castellanetani, dopo aver fatto prigionieri i 50 uomini del presidio, li legarono e li consegnarono ai soldati spagnoli fatti entrare nel paese " attraverso la Porta che dà dritto davanti a Taranto".

Ma qualche giorno dopo, incuriosito dall'importanza dell'accaduto, venne a Castellaneta per informarsi, presso coloro che avevano organizzato la cacciata dei Francesi, su com'erano andate le cose , e mise per iscritto i fatti così come gli furono raccontati sul posto.

Questa Porta che dà dritto davanti a Taranto, i castellanetani lo sanno bene : è la Porta Piccola, situata a due passi dai luoghi dell'accaduto. In realtà – come si seppe dopo – i Tesorieri, anziché spedire il denaro alle truppe in Italia, se lo tenevano e se lo spartivano fra di loro. Non essendo stato testimone "oculare" dei fatti, Jean d'AUTON è comunque un testimone "indiretto".

Ma solo qualcuno del paese o qualcuno venuto a Castellaneta può designarla come la Porta che dà dritto davanti a Taranto.

Fu fatta un'inchiesta, e l'anno dopo, i Tesorieri colpevoli furono impiccati sulla Piazza di Blois.

Domenica, 23 Giugno 2013 18:11

EMERGENZA IDRICA - AGGIORNAMENTI

Nella giornata di Sabato 22 c.m., il Sindaco Gugliotti e l'Ass.re ai LL.PP. Rubino hanno ottenuto dal responsabile dell'AQP Valentini la possibilità di far eseguire un allaccio provvisorio dalla rete dell'AQP a quella comunale per fronteggiare l'emergenza idrica conseguente all'avaria del pozzo San Martino,essendo la quantità di acqua erogata dal Consorzio Stornara e Tara insufficiente a raggiungere le zone piu' lontane.  

Il by-pass tra le due condotte,con annessa valvola di non ritorno, è stato realizzato in giornata stessa tra Via Mercato e Via Vittorio Emanuele. Sembra dai primi accertamenti tecnici che la situazione stia tornando alla normalità quasi ovunque,specie nel centro storico, Via Mercato e Via Ospedale.

Nel frattempo la ditta incaricata per la sistemazione definitiva al guasto del pozzo comunale opera senza sosta (Domenica compresa), cosi' come impartito dal Tecnico comunale responsabile del procedimento.

Si rinnova l'invito ad evitare sprechi fino a tutta la durata dell'emergenza, ed a non usare l'acqua locale per fini domestici ma solo per usi igienico- sanitari (cosi' come da ordinanza piu' volte richiamata, e tuttora vigente).

Chiedendo ancora scusa ai cittadini per i disagi arrecati e, cercando di far rientrare l'emergenza il prima possibile, si coglie l'occasione per ringraziare l'AQP ed il Consorzio di Bonifica Stornara e Tara della preziosa e fattiva collaborazione con codesto Ente comunale.

F.to L'Assessore ai LL.PP. (Sig. Alessandro RUBINO)
F.to Il Sindaco (Avv. Giovanni GUGLIOTTI)

UNDICI CONCERTI ITINERANTI PER LA CITTA' DAL 25 GIUGNO AL 3 SETTEMBRE

Lunedì prossimo, 24 giugno, alle ore 11, presso la sala consiliare del Comune di Castellaneta, in via Principe di Napoli, si terrà la conferenza stampa di presentazione dell'evento musicale che racchiuderà una intera estate e che, ogni martedì della settimana, animerà varie location della città.

Notedinotte: è questo il titolo della rassegna musicale, alla prima edizione, che è promossa dagli assessorati alla Cultura ed al Turismo del Comune di Castellaneta, con la direzione artistica di Giuseppe Di Gioia, in collaborazione con l'Istituto superiore di studi musicali "G. Paisiello" di Taranto, l'associazione musico-culturale "Crisalide" e la Pro Loco di Castellaneta.

Interverranno alla conferenza stampa: il sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti, l'assessore comunale a Cultura e Pubblica Istruzione Annarita D'Ettorre, l'assessore comunale al Turismo Giuseppe Angelillo, il direttore artistico Giuseppe Di Gioia ed il direttore dell'istituto "G. Paisiello" Lorenzo Fico.

 

Non solo non si spende in più, al contrario è l'offerta più vantaggiosa per il comune. L'offerta della Newtech è la più vantaggiosa in circolazione, visto che al comune son giunte altre due proposte entrambe di 30 mila euro, una a marzo e l'altra all'inizio di questo mese, tra l'altro con formule che prevedono o l'acquisto immediato o la concessione del suolo pubblico in comodato d'uso gratuito, ben diverse e svantaggiose rispetto a quella presa da noi.

Riguardo al comune di paragone, Maruggio, preciso che il prezzo concordato lo scorso anno era promozionale, lanciato dalla ditta per entrare nel mercato. Installata a gennaio in pochi mesi ha erogato 68 metri cubi di acqua, in una città che ha un terzo della popolazione di Castellaneta. I dati son così incoraggianti che l'amministrazione maruggese sta installando un'altra macchina identica a Campo Marino pagando quanto Castellaneta ed alle stesse condizioni. La città di Valentino è primo comune del versante occidentale ad avvalersi di questo servizio, visto che altri impianti si stanno realizzando solo a Torricella e Montemesola, ovviamente alle medesime condizioni di Castellaneta.

Anzi, se proprio vogliamo dirla tutta, l'amministrazione di Castellaneta è stata più perspicace delle altre in merito a 2 aspetti: il primo prevede che tutte le spese per l'allaccio saranno comunque asseverate dal nostro ufficio tecnico (in buona sostanza non potranno chiederci cifre fuori mercato); il secondo riguarda un omaggio che l'assessore è riuscito a strappare alla ditta e che non risulta tra le carte, di cosa si tratta? Lo vedremo all'installazione.

Infine riguardo al sistema di raccolta degli introiti la scelta di demandarla al fornitore nasce da una necessità di snellire le pratiche burocratiche che rallenterebbero il flusso economico. Infatti la presenza del doppio contatore è un segno di assoluta garanzia sul computo della cubatura dell'acqua erogata. Del resto, conti alla mano, si sa che per scomputare l'investimento occorrerà erogare 460 mc di acqua, ovviamente oltre IVA e spese di allaccio.

L'installazione di questo distributore è rivolta a quei cittadini che sono soliti acquistare acqua imbottigliata, per offrir loro lo stesso prodotto ad un prezzo più vantaggioso e salvaguardando l'ambiente. Non vuol certo scardinare le abitudini di chi è solito prendere acqua alla fontana o dal rubinetto.

Infine rispondo ironicamente all'accusa dello "scialacquare" dicendo che ad una parte dell'opposizione, tanto per restare in tema e vista la calura estiva, consiglio un bel bicchiere di acqua fresca, magari anche frizzante, per riconquistare brio e lucidità.

Assessore dott. Gianrocco De Marinis