Giovedì, 10 Gennaio 2013 01:00

TEATRO | L'OTELLO A CASTELLANETA

Dopo la "prima" con Nancy Brilli, la stagione di prosa del Comune di Castellaneta (assessorato alla Cultura) e del Teatro Pubblico Pugliese, è pronta ad offrire il suo secondo appuntamento. Martedì 22 gennaio (porta ore 20.30, sipario 21) il teatro "Valentino" ospiterà il dramma di Shakespeare Otello. Sulla scena Massimo Dapporto, il protagonista attorno al quale gira uno spettacolo promosso per il secondo anno consecutivo dall'Arena del Sole Nuova Scena del teatro stabile di Bologna.

"La nostra città - commenta l'assessore alla Cultura Annarita D'Ettorre - si onora di ospitare la tappa di una tournée nazionale partita ad ottobre dal teatro Quirino di Roma, dove ha registrato sempre il tutto esaurito. Per la nostra comunità si tratta di un nuovo evento prezioso del cartellone della prosa".

LO SPETTACOLO

"Non una tragedia della gelosia, ma un dramma d'amore, in cui il protagonista si trova preda di un sentimento tanto potente da fargli perdere la ragione". Così il regista Nanni Garella descrive il suo Otello. Tra gli altri temi affrontati ci sono il pregiudizio razziale e lo scontro tra occidente e oriente, una storia che ritorna e costruisce nella mente un immaginario di guerre vicine e devastanti. A contrapporsi però sono in primo luogo due visioni del mondo: quella di Otello – bellezza e armonia, nobiltà, lealtà, amore – e quella di Iago, che disegna un mondo abietto e volgare in cui, nella totale assenza di ideologia, regna il pragmatismo più spregiudicato.

Un avamposto militare in un territorio di occupazione, la Repubblica veneta contro i Turchi, occidente contro oriente. La fibra morale di un mondo, quello occidentale, messo a dura prova dalla crudezza dello scontro, con l'inevitabile ripercussione sulle vicende private dei protagonisti: di quelli nobili e virtuosi, come di quelli meschini e malvagi.

Nell'Otello alla fine perdono tutti, i nobili e i malvagi: Desdemona, Emilia, Roderigo assassinati, Otello suicida, Iago travolto dai suoi stessi inganni e dalle sue trame scellerate. Tutti fanno scelte sbagliate. Il mondo non ritrova il suo equilibrio, dopo l'atto estremo di Otello e il sacrificio di sua moglie.

Se si spegnessero il sole e la luna, insieme, in un buio eclisse...

se la terra tremando si squarciasse... (Otello, V, 2)

Otello, come Lear e Macbeth, è sceso nell'abisso, ha vissuto l'esperienza umana della gelosia fino all'estremo. Shakespeare è l'unico autore, dopo i greci, che riesce a darci tragedie vere; e Otello, nella storia teatrale, è una delle poche vicende pienamente conosciute dal pubblico, soprattutto dall'epoca romantica in poi. Il pubblico del nostro tempo è abituato a sentire i nomi, così stravaganti e improbabili, di Iago, Desdemona, Otello, a legare ad essi un racconto di gelosia e di sangue e a restare avvinto dalle passioni che muovono i destini di quei personaggi. Ma, conoscendo l'esito tragico della storia, lo spettatore contemporaneo continua a interrogarsi sulla fragilità della natura umana.

Otello di William Shakespeare – traduzione, adattamento e regia di Nanni Garella – con Massimo Dapporto, Maurizio Donadoni, Angelica Leo, Federica Fabiani, Gabriele Tesauri, Massimo Nicolini, Matteo Alì. Una produzione Nuova Scena – Arena del Sole – Teatro Stabile di Bologna, in collaborazione con Estate Teatrale Veronese.

OFFERTE BIGLIETTI E ABBONAMENTI

Fino al 15 gennaio il Comune di Castellaneta col Teatro Pubblico Pugliese offre una formula scontata per l'acquisto dei biglietti di Otello: 18 euro il costo cadauno, se se ne acquistano due, il terzo sarà scontatissimo ad un solo euro. Altra formula speciale per gli abbonamenti: costo 40 euro comprensivo dei tre restanti spettacoli in cartellone più il XVI Magna Grecia Awards del 22 marzo.

La vendita di biglietti e abbonamenti avviene presso l'Ufficio Promozione Culturale del Comune (a Palazzo Municipale-piazza Principe di Napoli 4), il lunedì, giovedì e sabato dalle 10.30 alle 11.30; presso il MUV Museo Rodolfo Valentino (via Vittorio Emanuele 119, Tel. 099-8493192) dal martedì al venerdì ore 10-12.30 e sabato ore 10-12/17-20; presso il Cine-Teatro Valentino in orario di spettacoli (via San Giovanni Bosco 5, Tel. 0998435005); oppure ai numeri di telefono 338/8595900 e 328/2858086

Letto 1368 volte